Logo Clio92 - Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia
MAPPA DEL SITO | ENGLISH VERSION
ASSOCIAZIONE | LE TESI | PUBBLICAZIONI | Strumenti | STORIA DIGITALE | NEWS | AREA SOCI | FORUM |

Elenco Pagine

Ricerca sul Sito

Ricerca


Ricerca Avanzata »

Area Soci

Area Clienti




Sei in: Home � Strumenti » Libri - Recensioni 2016 » Recensioni 2005-2008 » La democrazia: un concetto occidentale?

La democrazia: un concetto occidentale?

AMARTYA SEN, LA DEMOCRAZIA DEGLI ALTRI. PERCHÉ LA LIBERTÀ NON È UN’INVENZIONE DELL’OCCIDENTE

Arnoldo Mondadori, Milano 2004, pp. 88, € 10.00 La democrazia degli altri

Segnalazione a cura V. Guanci

“Il sostegno alla causa del pluralismo, della diversità e delle libertà fondamentali è presente nella storia di molte società. Le antiche tradizioni di incoraggiamento e protezione della discussione pubblica su temi politici, sociali e culturali in — per esempio — India, Cina, Giappone, Corea, Iran, Turchia, nel mondo arabo e in molte regioni dell’Africa esigono un più concreto riconoscimento nella storia delle idee democratiche. Questa eredità globale è una ragione sufficiente per mettere in dubbio la tesi, spesso ripetuta, che la democrazia sia un’idea esclusivamente occidentale, e che sia perciò soltanto una forma di occidentalizzazione. Il riconoscimento di questa storia ha un’importanza diretta nella politica contemporanea perché sottolinea l’eredità globale nella protezione e nella promozione della deliberazione sociale e delle interazioni pluraliste, che non possono essere meno importanti oggi di quanto lo fossero in passato.” (p.12)

Ecco il tema sviluppato in questo libretto, che riporta Le radici globali della democrazia, un saggio pubblicato, in forma ridotta, su “The New Republic” il 6 ottobre 2003, e La democrazia come valore universale, testo del discorso pronunciato alla Global Conference on Democracy tenutasi a Nuova Delhi dal 14 al 17 febbraio 1999, pubblicato sul “Journal of Democracy” nel luglio 1999, da A. Sen, premio Nobel per l’economia nel 1998.

L’autore costruisce un concetto di democrazia più complesso di come di solito viene inteso, cioè come esercizio di voto e, governo dei rappresentanti del popolo. La democrazia, secondo A. Sen, per esempio, include la “discussione pubblica”; e quindi, se andiamo a cercare nel passato dei gruppi umani esempi di democrazia intesa in senso complesso, ne troviamo in tutti i continenti! Questo, da un lato confuta l’idea diffusa del monopolio occidentale della democrazia, da esportare nel resto nel mondo, dall’altro sfata il mito delle origini greco-ateniesi della democrazia, che invece vengono estese a tutto il mondo. Ce n’è abbastanza, crediamo, per rendere appetibile la lettura di questi due piccoli saggi a chi, come noi, è attratto dalla visione della storia a scala mondiale, dal dibattito sull’uso pubblico della storia, dagli intrecci tra passato e presente per comprendere meglio quello che ci sta succedendo oggi.

Clio '92 - Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia - Redazione
Accesskey | Accessibilit� | Copyright Clio92 - Tutti i diritti riservati - Powered by Q-web srl Enteweb
Per una visione ottimale del sito si consiglia di utilizzare una risoluzione 1024x768 e carattere piccolo