Logo Clio92 - Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia
MAPPA DEL SITO | ENGLISH VERSION
ASSOCIAZIONE | LE TESI | PUBBLICAZIONI | Strumenti | STORIA DIGITALE | NEWS | AREA SOCI | FORUM |

Elenco Pagine

Ricerca sul Sito

Ricerca


Ricerca Avanzata »

Area Soci

Area Clienti




Sei in: Home � Strumenti » Libri - Recensioni 2016 » Recensioni 2005-2008 » Come scuole e museo possono interagire

Come scuole e museo possono interagire

MARIA TERESA RABITTI, CARLA SANTINI (A CURA DI), Il museo nel curricolo di Storia, Franco Angeli, Roma 2008 

A cura di Francesca DemattéIl museo nel curricolo di storia

Esempi di buone pratiche di uso del museo per ogni ordine di scuola, dall’infanzia alla secondaria superiore accompagnate da riflessioni su cosa si possa intendere per patrimonio culturale a misura della scuola, su cosa sia la didattica museale nel curricolo di storia,  su cosa siano gli ecomusei, in questo volume edito da Franco Angeli nella collana Educazione al patrimonio culturale, formazione storica, altri saperi.

I vari contributi rispondono a domande che gli insegnanti si pongono di fronte alle nuove istanze che nel territorio nascono dall’incontro fra le culture. A partire dalle domande intorno ai concetti di patrimonio e bene culturale, o  a quelle intorno ai modi per utilizzare in maniera interessante il museo, gli autori offrono indicazioni pratiche da mettere in atto perché la visita al museo si trasformi in conoscenze e abilità, in educazione al patrimonio, in formazione della cittadinanza attiva.

L’idea dinamica di patrimonio viene disegnata da Germana Perella attraverso la descrizione dell’ecomuseo, concepito come strumento di partecipazione popolare alla gestione del territorio e allo sviluppo della comunità. Proprio l’ecomuseo chiama in gioco, con la comunità, anche la scuola, direttamente coinvolta come soggetto attivo e propositivo del progetto culturale, finalmente non più e non solo nel ruolo di utente finale di un servizio estraneo alle sue esigenze e ai suoi progetti.  E’su questa necessità che si ferma Mario Calidoni che nella relazione fra la educazione al patrimonio e la didattica museale con la scuola, vede in questa “ il luogo della rielaborazione culturale e della formazione attraverso i linguaggi della cultura in modo consapevole e sistematico”.

 Alla didattica museale e alla funzione del museo nella costruzione della conoscenza, è dedicata la riflessione di Ivo Mattozzi, che indirizza il docente a” valorizzarla in funzione della formazione storica curricolare per farla cessare di essere un episodio o un progetto” perché un percorso al museo presuppone una didattica specifica, materiali e strategie che stimolino la curiosità e l’interesse, la partecipazione degli studenti.

Le indicazioni per mettere in pratica le sollecitazioni ricevute vengono dalle proposte e dalle presentazioni di esperienze di didattica museale condotte in ogni ordine di scuola.

Adriana Bortolotti e Giulio Ghidotti  partecipano il laboratorio storico-didattico per l’educazione al patrimonio culturale realizzato a Palazzolo sull’Oglio e frequentato da docenti di ogni ordine di scuola. Che cosa hanno fatto nel laboratorio?  Hanno utilizzato una raccolta museale per formare gli insegnanti e renderli capaci di costruire con gli alunni competenze di fruizione dei musei.

In direzione della costruzione di competenze trasversali agli ordini di scuola e riportabili nell’ambito del curricolo verticale, troviamo l’intervento di Luciana Coltri che utilizza la didattica dei copioni “andare al museo”,” imparare al museo”,” fare il museo”, due interessanti resoconti di esperienze di laboratorio con le classi finali della scuola primaria a cura di  Gambaccini e Valentini, per finire nella riflessione di Teresa Rabitti sul Museo come avventura cognitiva. Qui  ci viene suggerito come usare il museo per costruire concetti storicizzati e per evidenziare processi di trasformazione

L’ultima parte del volume documenta le attività laboratoriali,  i prodotti realizzati durante la scuola estiva di Arcevia nelle Marche e le proposte di attività storico-didattiche da progettare con l’uso del museo come risorsa del territorio. Fra queste colpisce un “gioco escurisione”che si svolge nella modalità della caccia al tesoro a squadre.

Una pubblicazione quindi che dimostra come scuola e museo possono interagire e come applicando didattiche differenti sia possibile suscitare curiosità e amore per  entrambi.  

INDICE  

Ringraziamenti 

La didattica museale e l’educazione al patrimonio:

dalla parte della scuola, di Mario Calidoni

Il museo nel curricolo di storia:

una questione di trasposizione didattica, di Ivo Mattozzi

Gli ecomusei: una risorsa per la scuola e per il territorio, di Germana Perella

Da raccolta museale a laboratorio storico-didattico per

l’educazione al patrimonio culturale, di Adriana Bortolotti e Giulio Ghidotti

Copioni al museo, di Luciana Coltri

Il curricolo di storia e la didattica museale: esperienze nella scuola primaria, di Antonina Gambaccini e Laura Valentini

Il museo come avventura cognitiva. Didattica museale nella scuola secondaria, di Maria Teresa Rabitti

LABORATORI

La didattica museale in principio e oltre, di Luciana Coltri

Il curricolo di storia e la didattica mussale nella scuola primaria, di Antonina Gambaccini e Laura Valentini

Far sentire il museo: i suoni e la preistoria, di Giulio Ghidotti e Stefano Rocchetti

La didattica museale nella scuola secondaria, di Germana Brioni e Letizia Franceschetti

Una giornata al casolare, quando il museo si mette in gioco, di Elena Musci

GLI AUTORI

Clio '92 - Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia - Redazione
Accesskey | Accessibilit� | Copyright Clio92 - Tutti i diritti riservati - Powered by Q-web srl Enteweb
Per una visione ottimale del sito si consiglia di utilizzare una risoluzione 1024x768 e carattere piccolo