Logo Clio92 - Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia
MAPPA DEL SITO | ENGLISH VERSION
ASSOCIAZIONE | LE TESI | PUBBLICAZIONI | Strumenti | STORIA DIGITALE | NEWS | AREA SOCI | FORUM |
Sei in: Home ´┐Ż Strumenti ╗ Didattica ╗ Esperienze

La storia in gioco del gruppo Colomna.

La storia in gioco del gruppo Colomna

Come usare i giochi per far pensare storicamente

A cura di Ivo Mattozzi

Colomna è il nome che hanno dato al proprio gruppo dei giovani studiosi di didattica ludica della storia. Il gruppo di studio Colomna è associata a Clio '92 e  svolge le sue attività prevalentemente nelle scuole della provincia di Bergamo col progetto Giochi & civiltà. Ma essa ha partecipato anche a seminari e attività laboratoriali organizzati  in altre province da Historia ludens. Recentemente ha pubblicato con la casa editrice Giunti un quaderno dedicato a  I giochi e la storia. Laboratori interdisciplinari per tutte le classi.

Nei musei archeologici è facile trovare vetrine nelle quali sono esposti tavolieri e pedine di giochi, dadi, bambole, carrettini. Oppure sono le immagini (affreschi e quadri) che mostrano giocatori in azione. Sono le tracce degli aspetti ludici delle civiltà. Ad esempio, «il gioco che aveva il maggior numero di praticanti in Egitto era quello della dama  [bisogna intendere il senet]. Gli Egizi lo giocavano dovunque: nelle loro case, con il resto della famiglia, ma anche fuori, nelle osterie, in giardino, aspettando il proprio turno dal barbiere. Ci è giunta una immagine del faraone Ramsete III che gioca a dama con una donna del suo harem. Il gioco della dama [senet] era così comune che era stato inserito nel corredo funerario di numerose tombe, affinché il morto potesse giocarvi per l'eternità.» [Rachet G., Dizionario della civiltà egizia, Gremese editore, Roma 1994, voce Gioco, p. 149]

Oggi è facile vedere nei parchi o in vie di città sud e nord americane giocatori di scacchi o di dame. Dunque, giochi da tavolo sono popolari nelle società del XXI secolo come giochi da tavolo erano popolari nella civiltà egizia, ma con significati per una parte analoghi e per altra parte diversi. Nell'una o nell'altra società servono per divertirsi, impegnano la mente, sono competitivi. Ma i significati e il posto che hanno nella società possono differenziarsi, ad esempio, per i legami con le idee religiose e con altri aspetti della vita quotidiana.

Queste considerazioni mi hanno fatto venire in mente che nella mia storia vissuta i giochi hanno avuto una parte importante nella vita infantile e adolescenziale, ma un periodo di giochi era particolarmente emozionante: quello del Natale. Allora con i miei familiari e con le famiglie di amici si passavano le serate a giocare a tombola e a carte attorno a grandi tavole e interrompendo il gioco ogni tanto per gustare i dolci natalizi. La festa religiosa di Natale si coniugava con la festa laica grazie alla quale si passavano le serate fredde tra le eccitazioni delle vincite o la mestizia  delle perdite, ma sempre con il piacere di divertirsi in compagnia, condividendo un tempo sospeso nella quotidianità e nel ciclo annuale.

Gli esempi che ho evocato mi sembrano una conferma della tesi sostenuta dal grande storico olandese Johan Huizinga: il gioco è un elemento "di" civiltà. [Huizinga J., Homo ludens,  Einaudi, Torino, 2002, con introduzione di U. Eco]

Nell'insegnamento della storia possiamo considerare i giochi come un aspetto caratterizzante delle civiltà. Questa idea è all'origine delle attività del gruppo Colomna.  Esso offre conoscenze e proposte di uso didattico dei giochi da tavolo in rapporto con le civiltà nelle quali erano giocati. Nei quadri di civiltà dei sussidiari, in genere, i giochi non sono presi in considerazione oppure sono citati in una lista senza senso. La peculiarità delle loro proposte è quella di rendere la conoscenza dei giochi una chiave di accesso alla civiltà e un mediatore di attività cognitive volte a promuovere le inferenze degli alunni allo scopo di comprendere i significati che essi assumevano nella civiltà nei quali erano giocati.

La originalità e la ricchezza di proposte didattiche del gruppo Colomna  sono rappresentate sia dalla Relazione delle attività svolte nell'a.s. 2014-2015 

sia dal Progetto: Roma Antica: una città di carta.

Elaborato per la Biblioteca Tiraboschi per il Sistema Bibliotecario Urbano e per l'Assessorato  Cultura e Turismo del Comune di Bergamo.

 

Accedi al sito del gruppo Colomna

Clio '92 - Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia - Redazione
Accesskey | Accessibilit´┐Ż | Copyright Clio92 - Tutti i diritti riservati - Powered by Q-web srl Enteweb
Per una visione ottimale del sito si consiglia di utilizzare una risoluzione 1024x768 e carattere piccolo