Logo Clio92 - Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia
MAPPA DEL SITO | ENGLISH VERSION
Associazione | LE TESI | PUBBLICAZIONI | STRUMENTI | STORIA DIGITALE | NEWS | AREA SOCI | FORUM |

Elenco Pagine

Ricerca sul Sito

Ricerca


Ricerca Avanzata »

Area Soci

Area Clienti




Sei in: Home ´┐Ż Associazione ╗ Convegni e Seminari ╗ Pubblicati i materiali del convegno sull'insegnamento della storia nella secondaria superiore.

Pubblicati i materiali del convegno sull'insegnamento della storia nella secondaria superiore.

INSEGNARE STORIA NELLA SCUOLA SECONDARIA

Pubblicati i materiali del Seminario di studio di Riccione

 

 

Si è concluso con la partecipazione di circa una trentina di docenti e ricercatori  il seminario di studio sull'insegnamento della storia nella scuola secondaria di II grado svoltosi a Riccione l'11 e il 12 dicembre 2010, nel corso del quale sono stati presentati  i materiali didattici predisposti dal gruppo di ricerca che ha lavorato su questo tema.

La prima giornata è stata interamente dedicata al confronto e alla discussione delle proposte didattiche.

Dopo una introduzione di Vincenzo Guanci, coordinatore del gruppo di ricerca Clio '92, che ha ripercorso velocemente il quinquennio di lavoro del gruppo, dalla riflessione sulla didattica per temi e problemi al report di un'inchiesta condotta nel 2006-07 tra studenti e insegnanti della scuola secondaria di II grado, fino alla produzione di materiali didattici originali per cinque unità di insegnamento/apprendimento di storia antica, medievale, moderna e contemporanea, tre delle quali già sperimentate nelle classi.

I partecipanti hanno mostrato un vivo interesse ai materiali proposti (e distribuiti su cd-rom), ponendo ai relatori e all'intero seminario domande e questioni che intrecciavano le unità con il curricolo, con la valutazione, con la certificazione delle competenze.

Ivo Mattozzi nel suo intervento ha preso le mosse da puntuali considerazione sui materiali presentati, per proporre la sua riflessione sui sistemi di conoscenza e la storia insegnata, facendo il punto sui danni formativi della manualistica scolastica, che si presenta appunto come un sistema di conoscenze, ma frammentato e difficilmente ricostruibile in maniera sensata.

La seconda giornata ha introdotto proprio il tema del curricolo verticale, già adombrato da qualche intervento di colleghe della scuola primaria nel dibattito  del giorno precedente.

Vincenzo Guanci ha ricordato i nodi principali delle Indicazioni Ministeriali per il curricolo dei nuovi licei, tecnici e professionali, mettendone soprattutto in luce l'enorme distanza tra l'impianto teorico con le competenze attese al termine del curricolo, da una parte, e,  le due liste di abilità e di conoscenze assolutamente banali, dall'altra, ma soprattutto, specialmente nei contenuti, assolutamente identiche  al vecchio canone della storiografica scolastica, immutato nei fondamenti  per tutti i 150 anni di scuola unitaria.

Elena Farruggia e Beatrice De Gerloni hanno illustrato le indicazioni per il curricolo che sono in corso di pubblicazione nelle provincie autonome di Bolzano e Trento. L'interesse di queste indicazioni stanno nella loro novità rispetto al canone antico della storia insegnata; infatti tendono a  indirizzare i docenti  verso una forte attenzione al presente, ad una didattica laboratoriale, ad una storia locale integrata nel quadro nazionale e mondiale.

Maurizio Gusso ha proposto un'idea di curricolo con un'attenzione particolare alla geo-storia, ben pertinente, tra l'altro, all'abbinamento dell'insegnamento della storia e della geografia nei licei.

Infine Mario Pilosu, Maurizio Cuccu e Paola Lotti hanno presentato alcune esperienze innovative  di curricolo praticato nel biennio e nel triennio di licei e di tecnici.

Ha concluso il seminario Ivo Mattozzi con una relazione sul curricolo verticale di storia, o meglio, sul curricolo "desiderato" di storia nel II ciclo d'istruzione che parta seriamente dalle indicazioni ministeriali per il curricolo per il I ciclo d'istruzione e che, soprattutto, tenga fede alle affermazioni, condivisibili in parte, relative alle competenze dello studente disegnate nel profilo d'uscita dalla scuola secondaria di II grado.

A cura di Vincenzo Guanci

     MATERIALI

LE RELAZIONI DEL SEMINARIO (in corso di pubblicazione)

11.12.2010

Vincenzo Guanci, Insegnare storia nella scuola secondaria. (Resoconto ragionato del lavoro del gruppo Clio’92 scuola superiore )

Ivo Mattozzi, Insegnamento della storia e sistemi di conoscenze (Presentazione)

Paola Lotti, Le organizzazioni politiche e le istituzioni nel mondo antico (Presentazione dell'unità di apprendimento)

Saura Rabuiti, Le radici medioevali dell'Europa (Presentazione dell'unità di apprendimento) 

Paolo Bernardi, La rivoluzione degli scambi dopo le scoperte geografiche: la formazione dell'economia-mondo. (Presentazione dell'unità di apprendimento.

Francesca Demattè, Esplorare l'economia-mondo navigando nel web (Presentazione dell'unità di apprendimento in webquest)

Elena Farruggia, Paolo Bernardi, Le forme politiche dell'antico regime e delle rivoluzioni. (Presentazione dell'unità di apprendimento)

Vincenzo Guanci, La Resistenza e la nascita della Repubblica Italiana (Presentazione dell'unità di apprendimento)

12.12.2010

Vincenzo Guanci, Le nuove indicazioni ministeriali per il curricolo (Presentazione)

Beatrice De Gerloni, Le indicazioni della Provincia di Trento (Presentazione)

Mario Pilosu, Esperienze di curricolazione di storia nel biennio (Presentazione)

Paola Lotti,  Il curricolo di storia nel triennio. Una proposta. (Presentazione)

Maurizio Gusso, Area geo-storico-sociale e altre forme di approccio storicointerdisciplinare (Presentazione)

 

Condividi questa notizia con gli amici del tuo Social Network (Facebook, Twitter, Google, altri...)

Clio '92 - Associazione di insegnanti e ricercatori sulla didattica della storia - Redazione
Accesskey | Accessibilit´┐Ż | Copyright Clio92 - Tutti i diritti riservati - Powered by Q-web srl Enteweb
Per una visione ottimale del sito si consiglia di utilizzare una risoluzione 1024x768 e carattere piccolo